Politicamente/Il Favoloso Mondo Di Luca Ricolfi

Niente da fare. Il sociologo Luca Ricolfi, professore ordinario all’università di Torino proprio non si dà pace. E’ da una settimana che continua a spargere lacrime per la vittoria referendaria dei comitati per il SI. Soprattutto per i quesiti riguardanti l’acqua. E per questo rifiuta di riconoscere valore alla ritrovata partecipazione di massa alle scelte del paese, bollata come mera chiamata alle armi dell’antiberlusconismo miltitante, a cui la gente si è adeguata votando acriticamente SI. Anche oggi il professore ripropone la medesima zuppa su La Stampa. In buona sostanza, secondo lui il fatto che i 4 quesiti abbiano avuto la stessa maggioranza bulgara 95-5 dimostrerebbe che si è trattato di un voto che non ragionava sul merito delle questioni. Non c’è nessuna riscossa civica della società italiana, internet non è un luogo di sviluppo democratico del dibattito pubblico, e le opposizioni parlamentari sono ostaggio delle piazze.

Qualcuno dica al professore che la gente sarà stupida, ignorante, pecorona e ingenua finché si vuole. Ma i conti in tasca sa farseli benissimo. Chiunque in Italia abbia vissuto un passaggio di gestione dell’acquedotto da società pubblica a privata, si è ritrovato con le bollette più o meno raddoppiate a fronte di un non visibile miglioramento della gestione. Chi ora ha un buon servizio di gestione idrica, ce l’aveva già quando l’acquedotto era gestito dal pubblico. Chi viveva in mezzo a mille disagi e disservizi, continua a subirli anche col privato, ma con le bollette più care giustificate da presunti investimenti e lavori che nessuno quantifica e verifica. Nulla di strano quindi che i quesiti sull’acqua abbiano visto una valanga di SI e che, anzi, sono stati i più votati e con la più alta percentuale di abrogazionisti. Era evidente a chiunque girasse un pochino per le strade invece di vivere recluso in un favoloso mondo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...